Subfornitura del Friuli Venezia Giulia: una risorsa di qualita'

Dubai: autorita' pagheranno debito

Aiuto di 10 miliardi di dollari da Abu Dhabi

DUBAI - Le autorità di Dubai hanno annunciato che pagheranno il debito di 4,1 miliardi di dollari del gigante immobiliare in difficoltà Nakheel, dopo aver ottenuto un aiuto di 10 miliardi di dollari da Abu Dhabi, il ricco emirato vicino. "Il governo di Abu Dhabi ha accettato di finanziare fino a 10 miliardi di dollari i fondi di sostengo finanziario a Dubai, somma che sarà utilizzata per assolvere a una serie di obbligazioni di Dubai World" la holding pubblica in difficoltà. Lo ha annunciato un comunicato ufficiale.

Il colosso immobiliare di Dubai Nakheel, al centro delle ultime turbolenze finanziarie per l'avanzata richiesta di ristrutturazione del debito, rispetterà gli obblighi in scadenza oggi con il saldo di 4,1 miliardi di dollari. Lo ha annunciato lo sceicco Ahmad Bin Said al Maktum, presidente della Commissione fiscale di Dubai (Sfc), in una nota in cui spiega la serie di azioni adottate da Abu Dhabi e dalla Banca centrale per sostenere Dubai.

"Il governo di Abu Dhabi ha accordato 10 miliardi di dollari al Fondo finanziario di sostegno per Dubai, somma che sarà impiegata per onorare le obbligazioni di Dubai World. La prima operazione del nuovo fondo sarà il saldo di 4,1 miliardi di dollari in sukuk (certificati di investimento conformi alla legge islamica, n.d.r.) in scadenza oggi". "Il fondo servirà inoltre a coprire spese di interessi e capitale d'esercizio fino al 30 aprile 2010, a condizione che la società abbia avviato trattative positive per la ristrutturazione del debito", puntualizza il comunicato.

"Inoltre il governo di Dubai presterà particolare attenzione nel rispondere alle preoccupazioni dei creditori del Dubai World. Il resto del fondo sarà impiegato per soddisfare pendenze con creditori ed imprenditori", ha assicurato lo sceicco Al Maktum. "Anche la Banca Centrale è pronta a fornire il necessario supporto agli istituti di credito che operano negli Emirati Arabi Uniti" prosegue il comunicato, che conclude anticipando un'imminente revisione del quadro legale, per soddisfare i requisiti di trasparenza internazionale.

Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2009/12/14/visualizza_new.html_1646124862.html

Share