Subfornitura del Friuli Venezia Giulia: una risorsa di qualita'

Riparte l'industria ad aprile. Gli ordini balzano del 20,6% annuo. È il migliore dato dal 2006

Buoni segnali dall'industria italiana. Ad aprile gli ordinativi hanno registrato un aumento del 4,7% su base congiunturale (indice destagionalizzato a 100,4) e del 20,6% tendenziale (indice grezzo a 100,5), l'incremento più elevato da agosto 2006. Lo rileva l'Istat, aggiungendo che nel primo quadrimestre l'incremento, rispetto allo stesso periodo del 2009, é stato del 10,2 per cento. Il fatturato dell'industria é invece salito ad aprile dello 0,5% su base congiunturale e del 6,4% tendenziale, l'incremento più elevato da giugno 2008. Nel primo quadrimestre l'incremento annuo del fatturato é stato del 5,7 per cento.

L'Istat inoltre rileva che l'indice del fatturato corretto per gli effetti di calendario ha registrato in aprile un incremento tendenziale del 6,4 per cento (i giorni lavorativi sono stati 21 come ad aprile 2009). Nel confronto tendenziale relativo al periodo gennaio-aprile, l'indice del fatturato corretto per gli effetti di calendario ha segnato una crescita del 5,5 per cento.

Chi sale. Gli aumenti più ampi hanno riguaradato i settori della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+27%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+20,5%) e della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+16,3%).

Chi scende. Le variazioni negative più marcate si sono rilevate nell'estrazione di minerali da cave e miniere (-16%), nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-15,7%) e nella fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (-2,3%).

Focus auto. L'Istat rende noto inoltre che ad aprile gli ordinativi dell'industria relativi agli autoveicoli sono diminuiti del 13,3% tendenziale, precisando che si tratta del dato grezzo. Il fatturato è invece aumentato del 3,9 per cento.

Share